Crociati

D’AVERSA ALLA VIGILIA DI PARMA-CREMONESE: “C’È TANTA VOGLIA DI SCENDERE IN CAMPO”

Collecchio, 24 agosto 2017 – Questo pomeriggio il Parma Calcio svolgerà la rifinitura, al Centro Sportivo, a ventiquattro ore dalla gara di esordio della Serie B ConTe.It 2017/18 che vedrà la squadra di Roberto D’Aversa contrapporsi alla Cremonese. Il tecnico crociato ha parlato del match del Tardini nella conferenza stampa della vigilia.

Ecco le sue parole:

Ci mancano alcuni giocatori, ma abbiamo una rosa molto ampia formata da calciatori importanti. Sicuramente chi andrà in campo non farà sentire l’assenza degli infortunati. La Cremonese è una squadra che utilizza il 4-3-1-2. Si tratta di una squadra che bada molto al sodo, che gioca molto sulle verticalizzazioni, sfruttando molto la fisicità dei giocatori che ha davanti. Dovremo quindi essere pazienti, bravi ed equilibrati a non aver fretta. Sarà una partita molto difficile. La Cremonese è una squadra forte e attrezzata, completata anche in questi giorni con dei rinforzi. Sta a noi avere il giusto equilibrio durante la partita, senza spazientirci, cercando di fare la nostra gara e di non concedere loro le ripartenze, che è la loro qualità migliore. La Serie B è un campionato molto difficile a prescindere da chi si affronta domani. Chiaramente una squadra che ha vinto il campionato di Lega Pro in maniera diretta come la Cremonese ha valori importanti, oltretutto essendosi rinforzata durante il mercato estivo. Ripeto, però, che dovremo essere bravi noi, al di là dell’obiettivo che ci possiamo prefissare, a lottare su ogni pallone dando tutto quello che abbiamo a disposizione e a metterci il cuore dove e quando ci possono essere delle difficoltà specialmente a fine partita a livello fisico. Sono sicuro che i ragazzi lo faranno. Dobbiamo ancora fare l’allenamento di rifinitura e valutare alcune situazioni. Per quanto riguarda il nostro sistema di gioco, è appurato che stiamo portando avanti un percorso importante, in cui sono contentissimo per quanto stanno facendo i ragazzi. Stanno continuamente applicandosi per portare in partita quanto si trasmette in settimana. In ritiro hanno lavorato benissimo. Mi auguro che quanto abbiamo fatto si possa vedere in campo. La formazione, come sempre, non l’ho ancora decisa. La decido, come sempre, all’ultimo momento, perchè è l’unico modo che ho di rispettare i miei giocatori, visto che ho una rosa ampia e che non ho la possibilità di far giocare tutti. Altri possibili acquisti? A ventiquattro ore dalla partita, spendere energie a pensare ad altro sia un errore. Ora devo valutare gli uomini che ho a disposizione, che costituiscono un patrimonio importante. Per quanto riguarda il mercato, sono ampiamente fiducioso sull’operato del direttore sportivo e della società. Il mio compito è allenare, pensare solo al campo e alla partita di domani da affrontare nel migliore dei modi”.

Da parte mia e di tutta la squadra c’è voglia di iniziare. Siamo partiti tardi, per forza di cose. In questo mese abbiamo lavorato duramente. C’è voglia da parte di tutti quanti di scendere in campo domani. Siamo onorati di essere i primi a farlo e di aprire questo campionato. Parma è una piazza con un blasone importante. Sicuramente sarà emozionante, domani, il debutto in questo campionato. Mi auguro che, a prescindere dagli obiettivi, la mia squadra vada in campo lottando su ogni pallone, perchè credo che la passione e il senso di appartenenza di questa tifoseria lo meritino. Il risultato è importante, ma é una conseguenza dell’atteggiamento con cui si giocano le partite. Credo che la squadra stia bene fisicamente. E’ chiaro che le prime partite servono da rodaggio per tutti, sia per noi che per i nostri avversari, per mettere minutaggio nelle gambe. Ci saranno difficoltà, a un certo punto la benzina potrebbe venir meno, anche per le condizioni climatiche. Sono convinto, però, che i ragazzi utilizzeranno il carattere e il cuore per cercare di oltrepassare questo ostacolo. Il campionato di Serie B è lungo e difficile, con quarantadue partite e cinque turni infrasettimanali, in cui non si può dare nulla di scontato. Mi auguro che ci sia una crescita da parte della mia squadra ed equilibrio sia da parte nostra che del contesto e dell’ambiente. Non bisognerà esaltarsi dopo una vittoria e non deprimersi dopo una sconfitta. Se saremo bravi a essere equilibrati, andando in campo lottando su ogni pallone e giocando in maniera intelligente, credo che ci toglieremo delle soddisfazioni. Ci sono squadre attrezzate come noi o meglio di noi, come Pescara, Empoli, Frosinone, Bari. Penso che, a prescindere del nostro blasone, dell’importanza della nostra piazza e del mercato, sia determinante essere equilibrati. In B non ci sono favoriti in senso assoluto. Mi auguro di non rivivere, a livello ambientale, alcune situazioni già vissute nella scorsa stagione, con l’assillo della vittoria a ogni costo. Il dover vincere a tutti i costi può comportare l’affrontare la partita con poca serenità. Siamo consapevoli di far parte di una società importante, che ha blasone, storia e tifoseria al seguito, a cui vogliamo dare soddisfazioni. In centovent’anni tre campionati di fila non li ha mai vinti nessuno. Nella vita non c’è nulla di impossibile. Per noi deve essere una motivazione. Siamo consapevoli di chi rappresentiamo. Per i giocatori over, in questo momento abbiamo la possibilità di fare una lista provvisoria. Quindi, pensiamo alla partita di domani. Successivamente si penserà al resto. Degli infortunati si è riunito al gruppo Di Gaudio. Oggi valuteremo Scozzarella. Sicuramente non saranno della partita Scavone, Siligardi e Saporetti. La squadra sta bene. All’inizio del campionato la condizione non può essere al 100%, però stiamo bene. Lì dove ci sono difficoltà, ci saranno anche per gli avversari”.