ELENA MINARI A CALCIO LADIES: “ARCHIVIAMO IL PIEVECELLA E RESTIAMO CONCENTRATE: NON POSSIAMO BUTTARE VIA TUTTO QUELLO CHE DI BUONO ABBIAMO FATTO FINO ADESSO…” (VIDEO)

calcio ladiesNoceto, 14 Febbraio 2018 – Il Vice Capitano del Parma Femminile, Elena Minari, è stata ospite in diretta ieri sera, martedì 13 Febbraio 2018, della trasmissione settimanale Calcio Ladiesdedicata esclusivamente al calcio femminile, in onda sulla piattaforma nazionale “Rete NeTVision”  ogni martedì tra le 21 e le 22, condotta dalla giornalista professionista parmigiana Francesca Devincenzi, con Alessandro Sacco e la collaborazione di Maurizio Stabile e la regia di Luigi Cardone.

Queste le parole di Elena Minari: “Siamo piuttosto deluse per la sconfitta di domenica: ci brucia ancora… Già è brutto quando si perde una partita qualsiasi, ma brucia il doppio perché era un derby. Eppure ci eravamo preparate bene: la sentivamo particolarmente, per cui siamo arrivate alla partita con qualche timore di troppo, nonostante la preparazione fosse stata buona. Non credo meritassimo di perdere, anche se il risultato finale è stato 3-1 per le avversarie. In realtà non abbiamo giocato così male (clicca qui per vedere la videocronaca della partita), abbiamo avuto due occasioni e colto due traverse piene, una sul 2-1, quasi allo scadere della partita. Il pareggio sarebbe stato più giusto e nessuno avrebbe potuto dire niente. La cosa che ci è mancata e che è stata poi la differenza tra loro e noi è stata la cattiveria: loro sono state più cattive e più ciniche, mentre noi abbiamo creato occasioni, ma non le abbiamo concretizzate: questo è il film della partita. Io, però, sono sempre abbastanza positiva: nonostante la sconfitta, subito dopo la partita negli spogliatoi, ho cercato di dire alle mie compagne che dobbiamo archiviarla immediatamente e ripartire, perché dobbiamo rimanere concentrate sull’obiettivo della stagione. Non possiamo assolutamente buttare via tutto quello di buono che abbiamo fatto fino adesso. Abbiamo tutti i mezzi per toglierci delle soddisfazioni grandi. Le sconfitte formano, temprano: abbiamo delle ragazze molto giovani che forse fanno più fatica a metabolizzarla, perché non hanno l’esperienza per questo tipo di delusioni: però dobbiamo ripartire di qui pensando che veramente siamo forti e la nostra forza è soprattutto il gruppo e quindi se il gruppo rimane coeso possiamo andare ancora avanti bene. Federica Bandini, Francesca Grossi, Giorgia Soragni e Silvana Cristaldi? Loro sono proprio mie amiche, quindi non è stato facile giocar contro. Non solo nel Parma: prima abbiamo giocato assieme anche nei Crociati Noceto. Ci conosciamo da anni, siamo cresciute assieme: giocare contro fa un certo effetto. In settimana ne avevamo parlato anche con loro e anche loro, ovviamente, la sentivano particolarmente, però sono state più brave di noi e quindi ci brucia anche per questo. Ci siamo prese un po’ in giro dopo la partita, ma ci sta, proprio per questa amicizia che ci lega: passata la rabbia siamo anche andate a bere insieme. Alla fine abbiamo cercato di smaltire così la delusione… La t shirt di una delle reggiane con un emoticon gigante un po’ così? Io non riesco proprio ad archiviarla come un gioco, perché io i derby li sento particolarmente, l’ho sempre detto, sono parmigiana doc, tifo per il Parma da sempre: io quella maglietta, per fortuna, non l’ho vista a fine partita, me l’hanno riferito le altre mie compagne, ma è stato meglio che non l’abbia vista, anche se non avrei fatto niente, per carità… Comunque è stato un gesto antisportivo, noi non ci saremmo mai permesse di fare una cosa del genere, perché non ce n’è bisogno, ma non voglio far polemiche… Rivincita perché ci avevano eliminato anche dalla Coppa Emilia? Il fatto è che con loro, ormai, non ci giochiamo più. Magari l’anno prossimo… Vediamo come arriveranno loro e come arriveremo noi, perché i conti si fanno alla fine e se noi saremo sopra di loro, magari glielo faremo notare… Il -8 dalla capolista ci fa male, perché ci credevamo… Io, come dicevo prima, sono sempre abbastanza positiva, per cui ci credo ancora, ma in realtà il primo posto è difficile: guardandoci in faccia essere ad otto punti da una squadra come il Forlì che non ne perde una risulta difficile raggiungerla. Infatti noi adesso dobbiamo concentrarci per rimanere al secondo posto, anche perché la terza è a tre punti… Dobbiamo tenere saldo il secondo posto, dopo di che quello che viene di meglio di questo è tutto di guadagnato, però ora il nostro obiettivo è il secondo posto. Il fatto che torniamo in campo già domenica è positivo, perché possiamo riscattarci, ed è quello che abbiamo già cercato di fare stasera in allenamento: tutta la settimana ci impegneremo per arrivare domenica pronte, perché c’è un’altra battaglia da fare. Giocheremo contro il PGS Smile, con le quali avevamo pareggiato all’andata (3-3). Secondo me la testa ce l’avremo: giocheremo con ben più attenzione. Con il Pievecella abbiamo avuto questo black out di dieci minuti in cui abbiamo preso due gol: secondo me ce lo ricorderemo e faremo attenzione. Loro sono una formazione di bassa classifica, però questo abbiamo visto tante volte che non vuol dire niente: quindi dovremo essere molto attente. A chi mi ispiro in serie A? A me piace molto Tatiana Bonetti della Fiorentina che è una numero 10 come me. Io l’ho vista giocare anche dal vivo, sia in Champions League che in Campionato, ed è fortissima: è bravissima con i piedi. E’ una fantasista e io mi ispiro ai fantasisti… Mi piacciono i giocatori di qualità e lei ha dei piedi che sono veramente molto buoni…”

CLICCA QUI PER SCARICARE IL PODCAST DEL COLLEGAMENTO DI ELENA MINARI CON CALCIO LADIES