Crociati

FOCUS CROCIATO: LEO ŠTULAC

Conosciamo più da vicino Leo Štulac, il primo arrivo in ordine di tempo tra le fila dei Crociati per la stagione 2018/19.

Nato a Koper (Slovenia) il 26 settembre 1994, muove i primi passi da calciatore nel club locale, arrivando fino alla prima squadra in tempi molto rapidi: il 2 aprile 2011, al minuto 72 di Luka Koper-Maribor, fa il proprio debutto nella massima divisione slovena ancor prima di compiere 17 anni, mentre ha già avuto modo di esordire con la maglia dell’Under 17 slovena l’anno precedente.

Nel 2013 viene mandato in prestito al Dekani, dove gioca 13 gare e segna 4 reti. A fine stagione torna al Koper, dove vince la coppa di lega nel 2014/15 e la supercoppa slovena all’inizio dell’annata successiva, totalizzando con la maglia del club 94 presenze e 8 reti. Già in patria si afferma come centrocampista centrale, capace di trovare la porta dal limite o da fuori area:

Il Venezia lo acquista nell’estate del 2016, quando il club si è appena guadagnato la promozione dalla Serie D alla Lega Pro. Al primo anno gioca in tutto 14 gare, contribuendo al salto in Serie B della squadra guidata da Filippo Inzaghi.

Ed è in cadetteria che Leo Štulac progredisce ulteriormente. Come centrocampista dimostra di poter giocare in mezzo come difensivo (ruolo che ricopre nella maggior parte delle gare) che come offensivo, ma anche all’occorrenza spostato sulla destra. E dimostra anche di avere in dote un destro potente e preciso, che gli consente di segnare sia da calcio piazzato che con palla in movimento:

Alla fine della scorsa stagione, lo sloveno ha totalizzato complessivamente 7 reti. In Nazionale, Štulac ha giocato in tutte le rappresentative giovanili fino all’Under 21, per poi essere convocato nel marzo di quest’anno nella selezione maggiore, per la doppia amichevole contro Austria e Bielorussa.