Crociati

IL PARMA CALCIO PIANGE GIAMPIERO CONVALLE, CROCIATO DEGLI ANNI ’50 TRA I PROMOTORI DELLA STORIA DEL CLUB

Parma19561957Parma, 2 Giugno 2018 – Il Parma Calcio piange Giampiero Convalle, scomparso nella scorsa notte all’età di ottantun anni, e porge le più sentite condoglianze alla sua famiglia.

Convalle è stato un calciatore Crociato nelle stagioni 1956/1957 e 1957/1958 in Serie B, categoria in cui debuttò vestendo la nostra maglia.

In quei due campionati la indossò complessivamente cinquantadue volte, segnando otto reti.

Tre di queste le concretizzò in soli cinque minuti, tra il 65′ e il 70′,  nel 4-0 con cui il Parma batté la Sambenedettese allo stadio Ennio Tardini il 16 giugno 1957. Diventando protagonista un’impresa nella secolare storia del nostro club.

‘Piero’ era un attaccante esterno, un’ala rapida che giocava indistintamente a destra o a sinistra.

Originario della Toscana (era nato a Pescia il 9 febbraio 1937), arrivò a Parma dal Forlì.

Dopo l’esperienza parmigiana, si cimentò in Serie C e in Serie D. Rispettivamente nella Pistoiese, nella Civitanovese, nella Massese, nella Carrrarese e nello Spezia. In Liguria concluse la carriera da calciatore.

Nella nostra città si sposò e decise di vivervi con la propria famiglia.

56-57 Erba Convalle 8Da ex giocatore è sempre stato molto legato al Parma Calcio. Impegnandosi in prima persona nell’attività del sodalizio degli Ex Gialloblù e nel gruppo di tifosi, appassionati e collezionisti che, in occasione del Centenario, realizzò l’indimenticabile e apprezzata mostra in piazza Ghiaia, da cui è nata l’idea del progetto del Museo permanente al Tardini. Un sogno che gli occhi e il cuore di Giampiero sono riusciti a vedere coronato.

I funerali avranno luogo lunedì 4 giugno, alle ore 14.30, nella chiesa parrocchiale di Monticelli Terme.

Nelle foto: Giampiero Convalle, secondo accosciato da sinistra con il pallone tra le mani in una formazione del Parma 1956/1957, e l’immagine di un giornale dell’epoca che celebra la sua storica tripletta alla Sambenedettese.