MATTEO DARMIAN: “ANDREMO A ROMA PER FARE RISULTATO, QUI CI SONO I PRESUPPOSTI PER FARE BENE”

Parma, 18 settembre 2019 – Protagonista del Meet & Greet organizzato oggi allo Store dello Stadio ”Ennio Tardini”, il difensore del Parma Matteo Darmian è tornato sulla sfida contro il Cagliari lanciando poi uno sguardo al match di domenica sera contro la Lazio: “Personalmente la gara di domenica penso sia andata abbastanza bene, fisicamente mi sono sentito bene e credo che le due settimane della sosta, utilizzate per conoscere bene i miei compagni, abbiano dato un buon frutto. L’intesa è già buona ma migliorerà settimana dopo settimana. Mi è dispiaciuto però perché davanti al nostro pubblico non abbiamo ottenuto ciò che volevamo, cioè i tre punti. Ritengo comunque che abbiamo fatto una buona partita e dalle cose buone che abbiamo fatto domenica dobbiamo ripartire per prepararci bene alla gara contro la LazioHo giocato in Premier negli ultimi 4 anni, fino allo scorso anno il VAR non c’era a differenza dell’Italia. E’ una cosa alla quale devo abituarmi rapidamente ma come prima volta ammetto che è stata strana, la partita è stata spezzettata. Ritengo comunque che sia uno strumento utile che aiuterà non solo gli arbitri per prendere le decisioni corrette“.

Io cerco sempre di lavorare al meglio e di migliorare, sotto tutti i punti di vista. Da quello fisico lavoro con la squadra da due settimane, migliorerà l’intesa con i compagni che reputo sia già buona ma non solo, anche gli schemi e ciò che chiede il mister può essere sempre migliorato. E’ quello che cerco di fare giorno dopo giorno per poi la domenica cercare di aiutare la squadra a portare punti a casa. Kulusevski? Può migliorare tantissimo, sia lui che la nostra intesa. Ha delle grandissime qualità e lo sta dimostrando in queste partite. E’ un ragazzo per bene, sicuramente farà parlare di sé“.

Il calcio a volte è rappresentato anche la sfida di domenica, dove abbiamo creato tanto e raccolto nulla. Accettiamo la sconfitta, sappiamo di aver fatto tante cose positive e dobbiamo correggere gli errori commessi perché per vincere le partite serve restare attenti novanta minuti. Nel primo tempo abbiamo concesso dei gol su disattenzioni nostre che possono essere migliorate. Siamo comunque scesi in campo con la giusta determinazione e il giusto piglio, lo abbiamo dimostrato perché abbiamo messo sotto il Cagliari. Il calcio è anche questo, siamo tornati a casa con zero punti. E’ la realtà, la accettiamo e ora guardiamo avanti in maniera positiva perché qui ci sono tutti i presupposti per fare bene“.

La gara di domenica la stiamo preparando nel migliore dei modi, sicuramente arriveremo pronti. Sappiamo di affrontare una squadra forte, composta da calciatori con qualità. Dovremo essere concentrati e determinati dal primo all’ultimo minuto, ma andremo a Roma per cercare di fare risultato. Karamoh? E’ un calciatore importante per la squadra e per la Società. Siamo un gruppo unito, sicuramente questa deve essere la base per costruire la salvezza“.

La salvezza è l’obiettivo minimo di questo campionato, se dovesse arrivare una salvezza più tranquilla saremo tutti contenti. Sicuramente, entrando al museo provo tanta emozione. E’ un qualcosa che ti rimane e ti dà la spinta a dare qualcosa di più per tutti: per la Società, per i tifosi e per noi stessi“.