Crociati

MISTER D’AVERSA ALLA VIGILIA DI CAGLIARI-PARMA: “SCONTRO DIRETTO FONDAMENTALE PER IL NOSTRO OBIETTIVO”

Parma, 15 febbraio 2019 – Alla vigilia del match che il Parma giocherà domani alle 18 a Cagliari per la 24° giornata del campionato di Serie A Tim 2018/19, Mister Roberto D’Aversa ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del Centro tecnico di Collecchio.

Ecco le sue parole:

“Non ci sarà Scozzarella che ha avuto un problema in settimana, non ci saranno Dimarco e Sierralta, oltre a Gagliolo squalificato. Bruno Alves si è fermato anzitempo oggi ma dovrebbe essere della gara. Dobbiamo essere bravi a dare importanza a questa partita così come lo sta facendo il Cagliari, nonostante siamo qualche punto davanti a loro. Per noi è importante per il nostro obiettivo, è uno scontro diretto in questo momento: non dobbiamo pensare alla loro classifica, che non rispecchia le qualità della loro rosa. Troveremo un ambiente caldo, compatto: dovremo essere prepararti mentalmente, perchè in uno scontro diretto devi essere bravo in intensità e aggressività nel vincere i duelli”.

“Il rischio di fare calcoli? Una caratteristica della mia squadra è che si va in campo per ottenere il massimo. Dobbiamo tenere a mente le caratteristiche della squadra avversaria, che adotta spesso un 4-3-1-2, giocano in verticale per sfruttare la punta nel gioco aereo e nell’attacco della profondità; e sono bravi anche nelle seconde palle. Non possiamo fare calcoli né pensare alla classifica migliore della loro. Dobbiamo cercare di dare il massimo, preoccupandoci di fare una grande prestazione“.

“Il calo fisico contro l’Inter? Noi abbiamo la possibilità di utilizzare alcuni dati che ci passa la Lega sulle gare giocate, sia sulle prestazioni di squadra che dei singoli. E alcuni di questi dati dicono che in Parma-Inter c’è stato dal 75′ al 90′ un calo da parte di entrambe le squadre e dove il Parma non è stato inferiore all’Inter. E non è stato un calo fisico, si parla sempre di cali di questo tipo quando si perde, ma Genova nel secondo tempo abbiamo portato a casa i tre punti, a Torino uguale, contro la Juve nel secondo tempo abbiamo portato a casa il pareggio, poi ci sono situazioni in cui le gare si perdono per gli episodi: non ho letto di un’Inter fisicamente in difficoltà nel primo tempo, eppure nei primi 20 minuti circa abbiamo fatto la partita nella loro metà campo e se fossimo stati stati bravi a passare in vantaggio nel primo tempo magari il risultato sarebbe stato un altro. La partita è stata persa per un errore a centrocampo e perchè la difesa ha commesso degli errori: io dopo quella gara avrei sottolineato che per 70 minuti abbiamo fatto una gara alla pari alla pari contro una squadra forte come l’Inter, indipendentemente dal loro risultato nella gara precedente”.

“Gobbi titolare? Può essere una soluzione, in settimana si è allenato benissimo dopo l’infortunio nel girone d’andata ma questa è una caratteristica che ci portiamo dietro da tempo, visto che abbiamo fatto buona parte del girone d’andata con cinque difensori di ruolo in tutto. Noi però non diamo l’alibi delle assenze, questa squadra ha dimostrato che si compatta nelle difficoltà“.

“Barella? Per il campionato che sta facendo è un giocatore importante, è sempre presente tra i convocati in Nazionale. Il guaio nostro come dicevo prima è pensare alla loro posizione di classifica, senza considerare gli investimenti fatti per la rosa: non sarà un impegno semplice, dobbiamo pensare che stiamo per affrontare una buona squadra con una classifica che non gli compete”.

“Una gara contro l’Inter si prepara da sola per le motivazioni, contro il Cagliari fin dalla settimana si cerca di far capire l’importanza ai ragazzi, anche se loro hanno un’intelligenza tale per cui non c’è bisogno di ricordarglielo. Già in settimana durante le partitelle si è cercato di evitare alcuni mezzi falli, per arrivare pronti alla gara di domani, soprattutto dal punto di vista dell’intensità, dei duelli fisici e della cattiveria sportiva per cercare di portare a casa il risultato“.

“Domani è molto importante, se facessimo risultato pieno ci avvicineremmo molto all’obiettivo: questa situazione dobbiamo ricercarla attraverso la prestazione in campo, dobbiamo essere pronti a dimostrare che siamo all’altezza. L’assenza di Scozzarella? Contro l’Inter Stulac è subentrato e potrebbe non avere i 90 minuti, premesso che ha giocato l’ultima gara nonostante la febbre. Quando si cerca di inseguire una condizione fisica ottimale si rischia poi di dover pagare dazio. Più che la prima partita quando non si ha continuità conta più quella successiva, è evidente non abbia continuità perchè nelle ultime gare ha sempre giocato Scozzarella. Kucka? A parte il differenziato nei primi giorni poi ha lavorato normalmente, è a disposizione”.