Crociati

MISTER D’AVERSA ALLA VIGILIA DI PARMA-INTER: “STA A NOI METTERE IN DIFFICOLTÁ L’AVVERSARIO INTERPRETANDO BENE LA GARA”

Parma, 8 febbraio 2019 – In vista del match di domani al Tardini (ore 20.30) tra Parma e Inter, Mister Roberto D’Aversa ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del Centro Tecnico di Collecchio.

Ecco le sue parole:

“Sierralta e Dimarco non sono convocati, per il resto ci sono tutti. Vediamo per domani, devo fare alcune valutazioni in base al lavoro settimanale e alle caratteristiche della squadra avversaria. Noi indipendentemente dal risultato dobbiamo rimanere equilibrati e analizzare ogni gara in maniera lucida. Dopo la Spal l’umore non era dei migliori ma fino al 70° avevamo fatto una grande gara, meritavamo un risultato diverso perché abbiamo avuto occasione di ripareggiarla; analizzando la trasferta contro la Juventus non era semplice recuperare due gol in uno stadio dove pochi sono riusciti a fare risultato, i ragazzi sono stati bravi. Domenica ci siamo goduti il risultato sebbene in classifica abbiamo perso due punti sulla terzultima, poi abbiamo ragionato sulla prossima gara. Troveremo un’Inter ferita nell’orgoglio, guai a pensare di avere un impegno meno difficile del solito: i nerazzurri hanno un potenziale enorme, sta a noi fare sì che le difficoltà per l’Inter continuino in base anche a come interpreteremo la gara”.

“A volte gli episodi sono importanti, contro Bologna e Chievo non ci hanno aiutato. Il campionato dice che abbiamo fatto più punti fuori che in casa, dobbiamo fare si che domani gli episodi vengano dalla nostra parte; è una partita che tutti vorrebbero giocare, leggo ci sarà un pubblico numeroso e sarà importante la sua spinta. Importante è la compattezza dell’ambiente, è una partita difficile ma questi ragazzi hanno dimostrato che non sempre la superiorità iniziale non si è dimostrata sul campo”.

“I giocatori recuperati? Fa piacere il fatto di avere delle scelte in tutti i reparti, Kucka sta raggiungendo la sua forma migliore, Stulac sta meglio e Scozzarella sta mettendo minuti nelle gambe. Noi dobbiamo essere bravi a restare equilibrati e mantenere entusiasmo nel lavoro settimanale qualunque sia stato il risultato nella gara precedente, dobbiamo ragionare su un obiettivo da raggiungere e ci vorrà una prestazione da parte nostra per fare punti contro l’Inter. Le caratteristiche di alcuni giocatori sono adatte per il campo aperto ma anche alcuni episodi hanno influito sul dato delle gare vinte più in trasferta che in casa, penso alle partite contro Bologna e Chievo ma anche contro la Spal per l’ultima parte di gara”.

“Contro la Juve per circa 20-30 minuti abbiamo fatto la gara che dovevamo fare, poi ci siamo abbassati e abbiamo subìto gol e altre situazioni, nella ripresa pur sotto con l’atteggiamento abbiamo rimediato una partita difficilissima, dobbiamo essere propositivi al di là del valore dell’avversario. Gli ultimi arrivati? La settimana scorsa Diakhate ha giocato con la Primavera per fare minutaggio, Machin si è scaldato con la Juve. Entrambi possono già dare il loro contributo”.

“L’Inter fa del possesso l’arma migliore, poi cerca di sfruttare le caratteristiche sui cross per Icardi che in area è tra i migliori d’Europa. Poi dipende sempre dalle caratteristiche dei giocatori, abbiamo preparato la gara in base a quello che potrebbero fare i nostri avversari. Per un club come l’Inter è normale dover vincere sempre, affrontano tutte le gare per farlo, non è la situazione momentanea a poter cambiare le cose. Non trovo differenze tra il passato e il presente. Hanno un’esperienza che riesce far sopportare loro qualunque pressione, chi è stato chiamato a guidarla o a giocarci ha l’esperienza per non farsi influenzare dal momento”.

Uno dei dubbi è tra Siligardi e Biabiany, non ho deciso chi giocherà: Siligardi nelle ultime due non ha giocato ma perchè avevo bisogno di un giocatore con più gamba, Biabiany nelle ultime gare sta andando in maniera strepitosa”.