Crociati

PARMA-PALERMO, LO STORICO DOPPIO EX: IGOR BUDAN

Parma, 1 marzo 2018 – Igor Budan è lo Storico Doppio Ex di Parma-Palermo, gara valida per la 29° giornata del campionato di Serie B Conte.it. E che il Parma fosse nel destino della punta croata, lo si vede scorrendo la storia del suo esordio italiano. Cresciuto in patria, nel Rijeka (dove gioca tra il 1997 e nel 1999), Budan approda nel Venezia: con la maglia arancioneroverde esordisce il 21 novembre 1999 contro il Piacenza, mentre segna il suo primo gol nella massima serie proprio contro il Parma: è il 16 aprile del 2000 e saranno i Crociati a vincere quell’incontro per 3-1.

Nelle tre stagioni successive, Budan cambia diverse maglie. Passa in prestito all’Empoli, quindi al Bellinzona (Svizzera), poi ancora Venezia e Ancona. Nel 2003 approda in B all’Atalanta: in nerazzurro con i suoi 11 gol contribuisce alla promozione in A del club, sebbene il croato sia frenato da un infortunio al ginocchio che ne limita le presenze stagionali. Il suo cartellino è del Palermo, ma resta a Bergamo fino al 2006: seppur limitato da alcuni problemi fisici, segna altri 5 gol in Serie A prima di passare in prestito all’Ascoli, con il quale sigla la sua prima doppietta nella massima serie (1-2 sul campo dell’Empoli).

Nel 2006/07, Budan viene girato al Parma. La sua prima stagione con la maglia crociata sarà una delle più importanti della sua carriera, per continuità e rendimento. Esordisce il 10 settembre 2006, a Torino (1-1), segnando. In tutto il girone d’andata sigla 6 reti: dopo la marcatura alla prima giornata si ferma per cinque giornate, per poi recuperare con 5 gol consecutivi contro Ascoli (1-0), Reggina (3-2), Atalanta (3-1), Siena (2-2) e Inter (1-2). Da gennaio si ritrova in coppia con “Pepito” Rossi, tornato a Parma in prestito dal Manchester United. Da lì in avanti, complice anche l’arrivo di Claudio Ranieri in panchina, per il Parma prende forma la salvezza: Budan segna altre importanti reti, tra le quali una botta da 30 metri a Udine (3-3 il finale).

In campionato segna anche contro l’Empoli, nel 3-1 casalingo finale che certifica la permanenza dei Crociati in A. Chiude la stagione con 16 gol complessivi: 13 in campionato (9° in classifica marcatori con Quagliarella e Doni) e 3 in Coppa Uefa in altrettante gare. Nella stagione successiva viene fermato da un infortunio durante la prima parte. Nella seconda metà ha più continuità (segna contro il Torino, la Sampdoria e il Palermo), contando a fine annata 15 presenze e 7 gol. A fine stagione, arriva per lui la convocazione con la maglia della Croazia per gli Europei del 2008.

Tra il 2008 e il 2013 Budan vive due esperienze con la maglia del Palermo. La prima fino al 2010 (35 presenze e e 5 reti), la seconda dal 2011, con 7 reti in 28 presenze. In mezzo, Budan gioca anche con la maglia del Cesena, che aiuta a restare in A da neopromossa. Rientra poi all’Atalanta, quindi si ritira alla fine della stagione 2012/13. Conclusa l’attività di calciatore, Budan ha intrapreso quella di dirigente sportivo, ricoprendo le cariche di team manager per i Rosanero prima e per lo Spezia successivamente.