Crociati

PARMA-PISA, IL FOCUS SUI NOSTRI AVVERSARI


Domenica 12 agosto il Parma Calcio sfida il Pisa al Tardini alle 20.30, nel terzo turno di Coppa Italia. In vista del match, conosciamo più da vicino la squadra toscana, nostra prossima avversaria.

DALL’ERA DEL “PRESIDENTISSIMO” A OGGI
Nell’immaginario collettivo, la storia del Pisa è spesso ricordata per la figura di Romeo Anconetani, storico presidente del club toscano acquistato nel 1978 e che lui, che si guadagnò l’appellativo di “presidentissimo”, riportò dalla Serie C alla A 13 anni dopo l’ultima apparizione dei nerazzurri nella massima divisione. Tra gli altri traguardi raggiunti dal Pisa nel periodo sotto la guida di Anconetani, durato fino al 1994, vanno annoverate una semifinale di Coppa Italia nel 1988/89 e la vittoria di due edizioni della Coppa Mitropa. Dopo la fine dell’era Anconetani, il Pisa rinasce con una nuova denominazione e nel 2006/07 torna in Serie B, sfiorando la promozione in A l’anno successivo. Dopo una nuova ri-denominazione e promozione in B nel 2015/16, oggi il club gioca in Serie C.

IL CAMMINO NERAZZURRO IN COPPA
La stagione 2018/19 si è aperta con la sfida al primo turno di Coppa Italia alla Triestina. Il match, giocato all’Arena Garibaldi di Pisa, è finito 2-2 e ha visto i padroni di casa avanzare al turno successivo ai calci di rigore. Lo scorso 5 agosto, allo “Zini”, il Pisa ha battuto sempre ai calci di rigore la Cremonese, dopo il 3-3 giunto al termine dei tempi supplementari.

In quest’ultima gara, il Pisa è sceso in campo con questa formazione (3-5-2): Campani; Birindelli, De Vitis, Meroni; Zammarini, Izzillo, Gucher, Di Quinzio, Lisi; Moscardelli, Cernigoi. Il tecnico del club è Luca D’Angelo, alla sua prima stagione in nerazzurro. Con un passato da calciatore tra Castel Di Sangro, Fermana, Alzano e Rimini, D’Angelo ha cominciato la carriera da allenatore in Romagna, per poi proseguire con Alessandria, Fidelis Andria, Bassano e Casertana.