Crociati

SEASON REVIEW 2017/18, PUNTATA 7: FINCHÉ VIVRÒ…

Un viaggio lungo un sogno: quello di tornare in Serie A. Ve lo stiamo raccontando a puntate, con il nostro Season Review dell’ultima stagione crociata.

Di rientro da Avellino, il Parma è atteso il 2 aprile al Tardini per il recupero della gara contro il Palermo, rinviata un mese prima per la neve. La gara è un vero e proprio scontro diretto. E i Crociati si affidano…a un palermitano: Emanuele Calaiò. L’Arciere piazza la tripletta, che ci consente di vincere e respingere l’assalto rosanero, che nel finale rischiano di agguantare il pareggio: E’ stata una serata bellissima, coronata da questa grande tripletta e da una grande vittoria. Questi sono tre punti pesanti, conquistati contro una squadra forte. Questo successo ci conferisce fiducia e serenità in più per affrontare le prossime due partite al Tardini contro due nostre dirette concorrenti”, analizza dopo il fischio finale e le foto di rito con il pallone per i tre gol segnati.

palermo
“C’è stata una crescita continua, dopo Empoli la squadra si è ricompattata, credo che alla base dei risultati ci debba essere sempre il fatto di concedere poco all’avversario, il che non significa essere difensivi: significa che se si riesce a passare in vantaggio bisogna essere bravi a portare a casa un risultato pieno. Poi è cresciuta anche l’autostima, lavorando e giocando in maniera serena le cose vengono meglio“, spiega Mister D’Aversa il venerdì successivo. Altro giro, altro scontro diretto: stavolta al Tardini arriva il Frosinone. Ed è un altro, importantissimo successo. Calaiò va dal dischetto, ma sbaglia. La squadra però non si smonta e continua ad attaccare: ci pensa Di Gaudio con una doppietta a chiudere a gara per i Crociati già nel primo tempo: “Nonostante il calcio rigore non realizzato in apertura di partita, non abbiamo mai mollato. Ce lo siamo detti in campo di non mollare e di crederci, perché era importante con una squadra forte come il Frosinone riuscire a fare il primo gol per aprirci la strada”, commenta il numero 20 crociato.

frosinone

La terza gara consecutiva in casa è contro il Cittadella. C’è grande entusiasmo attorno alla squadra, che non è solo in piena corsa playoff, ma anche per un secondo posto che potrebbe significare promozione diretta. Un entusiasmo che si traduce in un nuovo coro che ormai canticchiano tutti…

Finisce 0-0 contro i veneti: “Il loro portiere, che è stato il migliore in campo secondo me, è stato determinante con alcune parate. Il verdetto del campo non ha rispecchiato l’andamento della partita, avremmo meritato di vincere”, dice il Mister in sala stampa al Tardini. Ma non c’è molto tempo per fermarsi a pensare o recriminare: lunedì sera si va ad Ascoli, contro una squadra in piena lotta salvezza. Il Parma apre le mercature subito, con il bolide di Calaiò che ci regala tre punti importantissimi in un momento altrettanto importante, come conferma Iacoponi: “Siamo un gruppo unito, in cui chi entra al posto degli infortunati non li fa rimpiangere. Ognuno di noi è importante. Si tratta di un aspetto fondamentale per il nostro cammino. La serie B è un campionato lungo, con molti turni infrasettimanali. È giusto che chi ha avuto finora meno spazio tra di noi abbia la sua possibilità e dimostri di fare la differenza, come sta accadendo”.

Il momento positivo prosegue il turno successivo: il 21 aprile al Tardini battiamo 2-1 il Carpi con doppietta di Barillà. Una sorpresa meno gradita è invece il doppio infortunio che colpisce Lucarelli prima e Munari: “Sono molto contento, soprattutto perché la squadra è riuscita a raggiungere i tre punti che volevamo. Ci dispiace, a me e a tutto il gruppo, per i due infortuni capitati ad Alessandro e a Gianni. Questa vittoria va dedicata a loro”. dice Nino a fine gara.

A Vercelli cediamo il passo: 1-0 per la Pro. Il Mister non vuole vedere il morale sotto i tacchi: “Tutto quel che c’è da fare è lavorare per cercare di risolvere le problematiche, superare gli ostacoli e continuare a fare quello che stiamo facendo, che la prestazione di oggi soprattutto nel primo tempo sia solo una parentesi: riprendiamo il nostro cammino“. E il cammino riprende: l’1 maggio torniamo a prenderci i 3 punti, contro la Ternana. Protagonista di giornata è la Belva, che segna il primo gol e ispira il secondo così:

L’entusiasmo è di nuovo ad alti livelli e quando lo stesso Ceravolo a Cesena la settimana successiva cerca il gol da angolo e trova un’autorete che ci porta in vantaggio, tutto pare incastrarsi al posto giusto. Poi però al Manuzzi lasciamo i tre punti, con i padroni di casa che vincono nel finale.

Restano le due ultime gare della stagione regolare. E poi forse chissà, succederà…

Fine puntata 7