Crociati

STORIA CROCIATA – CITTADELLA, 16/05/2009:”… E CE NE ANDIAMO IN SERIE AAAAA …”

Parma, 11 Novembre 2017Cittadella, in provincia di Padova. Nella storia del Parma Calcio, il ricordo è automatico, perché unico.

Non solo per le fredde statistiche. Soprattutto, per le forti emozioni di un traguardo raggiunto. Con due partite di anticipo, rispetto al termine del campionato.

In questo luogo fortificato da antiche mura della profonda pianura veneta, i Crociati esaudirono la loro missione della stagione calcistica 2008/2009: l’immediato ritorno in Serie A, dopo la prima sofferta retrocessione nella categoria cadetta patita un anno prima.

Bastò un punto, per assicurarsi l’obiettivo.

Festeggiando in simbiosi con più di quattromila seguaci, a cui fu eccezionalmente destinata la Tribuna Est, solitamente riservata ai granata locali.

Accompagnati dalla colonna sonora di quel momento:” … e ce ne andiamo in Serie AAAAAA …”. Guida del lungo e interminabile tipico serpentone di auto e pullman, che insieme alla squadra nel viaggio di ritorno della trasferta fece tappa in un autogrill autostradale nel Veronese invadendolo. Per poi raggiungere la consueta meta delle apoteosi della nostra comunità, la centrale piazza Garibaldi del Ducato parmigiano.

In un sabato notte di tripudio, da copione protratto sino all’alba seguente.

Era il 16 maggio 2009. Per la promozione, bastò un punto sul campo dello stadio intitolato a Pier Cesare Tombolato, promettente giovane portiere cittadellese degli Anni Cinquanta morto diciottenne a causa di uno scontro di gioco.

In vantaggio già al 4′ grazie a un autogol in pallonetto di testa del difensore Emanuele Pesoliil Parma raddoppiò al 32′ con un gran tiro di Reginaldo dal limite dell’area.

Seppur con un uomo in meno per l’espulsione di Matteo Teoldi al 74′, il Cittadella recuperò per merito di una doppietta del suo bomber Riccardo Meggiorini, in rete al 50′ e all’86’, continuando così a coltivare il sogno salvezza, che poi concretizzò.

Nel caldo africano della bassa padovana, mister Francesco Guidolin schierò Pavarini, Paci, Troest, Alessandro Lucarelli, Zenoni, Budel (34′ Mariga), Morrone, Castellini, Reginaldo (75′ D’Agostino), Leon (65′ Lunardini), Paloschi. In panchina, quel giorno, rimasero il dodicesimo Pegolo, Antonelli, Rossi e Cristiano Lucarelli.

Cittadella, in provincia di Padova. Domani il Parma Calcio vi ritorna. Otto anni dopo quella gioia. Per la 14^ di Serie B ConTe.it 2017/2018.