Crociati

STORIE DI STADI: L’ALLIANZ STADIUM DI TORINO

Parma, 18 gennaio 2020 – La gara di domenica prevede la trasferta per i Crociati sul campo della Juventus. Conosciamo più da vicino il teatro della sfida con la nostra rubrica “Storie di stadi”.

Il progetto di un nuovo stadio per la Juventus risale a circa metà degli anni Novanta. I bianconeri si erano già trasferiti per i Mondiali del 1990 al “Delle Alpi”, che però non aveva riscosso grande successo tra il pubblico juventino: troppo distanti gli spalti dal campo, troppo “freddo” come impianto. Nasce così l’idea di sfruttare la zona dove sorge lo stadio per crearne uno nuovo, ad uso esclusivo del club e che possa essere già di sua proprietà, sul modello di quanto accadeva già nella realtà calcistica inglese.

Mentre la Juve si trasferisce così all’Olimpico – attuale casa del Torino – nel 2008 il Delle Alpi viene demolito, per consentire la costruzione del nuovo Juventus Stadium, inaugurato l’8 settembre 2011 con l’amichevole contro il Notts County. La prima gara di campionato qui giocata ci riguarda da vicino: l’11 settembre 2011, prima di campionato, la Juventus supera il Parma 4-1.

Dotato di museo ufficiale e inserito in un’area che prevede anche la presenza della nuova sede della società, oltre che del nuovo Centro Tecnico dove si allena la squadra, l’impianto ha assunto la denominazione di Allianz Stadium dal luglio 2017. 

Di proprietà della Juve e senza pista d’atletica, ha una capienza di 41mila spettatori ed è uno dei quattro stadi italiani (Con il Meazza di Milano, l’Olimpico di Roma e l’Olimpico Grande Torino di Torino) ad essere un impianto a rientrare nella categoria 4 Uefa, ovvero tra gli stadi con il più alto tasso tecnico.