Crociati

TORINO-PARMA, LO STORICO DOPPIO EX: ROBERTO MUSSI

Parma, 7 novembre 2018 – Torino-Parma è una sfida che annovera più di un doppio ex. Raccontiamo la storia di uno di loro, che ha contribuito ai successi dell’una e dell’altra squadra. Roberto Mussi.

Difensore classe ’63, Mussi cresce nella Massese, club con il quale centra la promozione dall’Interregionale alla Serie C2 e dal quale viene prelevato dal Parma nel 1984. Con la maglia dei Crociati esordisce in Serie B, per trovare più spazio nella stagione successiva, con il club impegnato nel campionato di Serie C1. Riconquistata la cadetteria, Mussi diventa un punto fermo del Parma e con Arrigo Sacchi in panchina accresce la propria esperienza, tanto che il tecnico romagnolo al termine della propria esperienza crociata lo chiama con sé al Milan. Mussi chiude così la sua prima parte di carriera con il Parma raccogliendo 88 presenze.

In maglia rossonera, Mussi resta per due stagioni: gioca 30 gare, concludendo la propria esperienza con la vittoria di scudetto e Coppa del Campioni. Nel 1989 passa al Torino. al primo anno centra la promozione in Serie A con la maglia dei Granata, quindi vince la Coppa Italia 1993 e nel frattempo si conquista la convocazione in Nazionale, che sfocia poi nella chiamata da parte del ct Sacchi per la spedizione mondiale a Usa ’94, che si concluderà con il secondo posto. In quel Mondiale, Mussi servirà a Roberto Baggio l’assist per il primo gol contro la Nigeria, negli ottavi di finale.

In quell’estate, Mussi fa ritorno al Parma. Nella sua seconda esperienza in maglia crociata resterà fino al 1999, giocando 125 gare e vincendo la Coppa Uefa ’95 e 99′, oltre alla Coppa Italia sempre nel ’99. In Nazionale disputa anche gli Europei del ’96. Al Parma farà ritorno come tecnico degli Allievi e come osservatore agli inizi degli anni Duemila, per poi tornare alla Massese come dirigente.