Parma, 3 febbraio 2021 – Ecco le prime parole da crociato di Mattia Bani, presentato oggi a Collecchio:

“Cerco di portare qui la mia esperienza di tutti questi anni, siamo consapevoli che c’è bisogno di ritrovare un po’ di coraggio, quando giochi queste partite hai bisogno anche di un po’ di spavalderia. Sono convinto che la squadra abbia grandi qualità. Questo mese penso sia decisivo come tutti gli altri, dobbiamo fare 27 punti e non possiamo mai permetterci di pensare che una partita sia più importante dell’altra. Sappiamo che dobbiamo salvarci, se accade il prima possibile meglio, ma fino all’ultima partita daremo battaglia per questo obiettivo”

“Il Parma è una società prestigiosa, è stata un’opportunità degli ultimi giorni e non avuto nessun dubbio, soprattutto perchè credo che questa squadra possa salvarsi quest’anno e che possa esserci un progetto importante per molti anni. Ho giocato e mi sono allenato fino all’altro giorno, quindi fisicamente sto bene”

“Ho visto l’ultima partita del Parma a Napoli e secondo me i ragazzi hanno fatto un’ottima gara, bisogna considerare che giocavano contro il Napoli in trasferta; inoltre loro facevano anche fatica a uscire nel secondo tempo dalla metà campo, dunque ci sono tutte le premesse per fare bene. Bisogna aggiungere quel coraggio, quella spavalderia che ti porta anche a fare risultati importanti, a fare una corsa in più dell’avversario, che è quello che poi ti porta a vincere le partite

“Difficile adesso pensare ad obiettivi personali, abbiamo tutti un unico obiettivo che è quello più importante ovvero mantenere la categoria; il singolo deve essere messo da parte per fare sì che il gruppo venga fuori da questa difficoltà. Contro il Bologna mi aspetto una partita difficile, però l’anno scorso giocavo lì e posso dire che il Parma è sempre stato un avversario ostico, entrambe le partite la scorsa stagione sono finite in pareggio all’ultimo. Sono partite aperte, chi sbaglia meno ha più possibilità di portare a casa i tre punti, sappiamo che queste gare durano fino alla fine”

“Sono qui da due giorni, stiamo cercando di integrarci e il Mister sta cercando di far capire qual è la sua idea di calcio e noi dobbiamo essere bravi a capirla”