Parma, 15 Aprile 2021 – Il Parma Calcio piange Giuliano Baroni, scomparso in queste ore, e porge le più sentite condoglianze alla sua famiglia.

Tutto il Parma Calcio (proprietà, dirigenza, staff tecnico, calciatori, dipendenti e collaboratori), in questo triste momento, é vicino ai famigliari di Giuliano, colonna e Bandiera del nostro tifo organizzato.

Baroni è stato uno dei fondatori del Parma Club Fidenza.

Era il marzo del 1970, il periodo della trionfale cavalcata dello storico ritorno della squadra Crociata tra i professionisti.

Il Parma Club borghigiano, di cui Giuliano fu anche il celebre presidente, divenne ben presto, grazie alle sue capacità organizzative e al suo forte spirito aggregativo, un fondamentale punto di riferimento, non solo per il territorio della Bassa Ovest in cui era insediato, ma per tutta la nostra tifoseria.

Il club di Fidenza, sin dalle origini, porta un’intestazione semplice, ma significativa: “Amore per il Parma”. Un titolo che rispecchia una mentalità.

Non a caso Giuliano Baroni ha tramandato nei decenni e nelle generazioni, con le sue trasferte al seguito della squadra, i suoi eventi e i suoi atteggiamenti, un modo di tifare che é diventato tipico, caratteristico, identitario dei nostri sostenitori.

Con due elementi cardine: genuinità e goliardia.

Con la sua guida il Parma Club Fidenza “Amore per il Parma” é diventato dagli Anni Novanta il fulcro del Parma Club Petitot, associazione di cui lui non volle mai essere presidente per non mettersi troppo in evidenza.

Giuliano aveva instaurato un rapporto particolare con il compianto Presidente Ernesto Ceresini, a cui lo legava anche la comune attività imprenditoriale nel settore dell’edilizia.

A Ceresini dedicò una bellissima e importante manifestazione sportiva allestita con professionalità dal Parma Club fidentino: un meeting di atletica leggera Under 14 sulla pista dello stadio Ballotta, che richiamava i migliori atleti italiani della categoria.

Con il suo impegno aveva sempre espresso la propria inclinazione verso i giovani.

Attivandosi puntualmente per far vivere loro l’atmosfera degli spalti da tifosi del Parma e, in questi ultimi anni, supportando da vicino il nostro movimento femminile.

Nella Storia Crociata sono rimaste impresse, come indelebili ricordi, le feste del Parma Club Fidenza, di cui Giuliano era il gran cerimoniere silenzioso.

Prima allestite all’Astoria, nel centro del Borgo, poi in campagna, nella splendida cornice di Villa Castellina.

E’ sempre stato un appuntamento annuale atteso dall’ambiente del Parma Calcio. Vi partecipavano volentieri e con entusiasmo tutta la società e tutta la squadra.

Era la circostanza in cui veniva assegnato il Tardini d’oro, un premio attribuito dal 1986 al 2011.

Fu conferito ai personaggi che hanno scritto il glorioso quarto di secolo in cui il Parma é asceso dalla Serie C ai massimi livelli del calcio nazionale ed europeo.

Il primo fu consegnato proprio a Ernesto Ceresini, l’ultimo a Hernan Crespo.

Era un appuntamento nostrano, ma da lustrini, mondano.

Aspettato e desiderato. Per il prestigio dell’incontro con gli illustri ospiti che vestivano la Maglia Crociata, certo, ma pure per ritrovare, fuori dal suo consueto contesto, il leggendario “baule di Baroni” .

Ci faceva compagnia, ogni volta che il Parma giocava, davanti al Casino Petitot di fronte allo stadio Tardini oppure in trasferta nei parcheggi delle stazioni di servizio autostradali o dei Settori Ospiti.

Il ‘baule di Baroni’ straordinariamente si apriva anche lì, in quella circostanza, all’aperto, fuori dall’Astoria o da Villa Castellina, una volta consumati buffet e banchetto ufficiali.

Dispensava a ognuno, nessuno escluso, i suoi proverbiali ‘zuccherini’ e non solo …

Baroni sei stato la storia del tifo Crociato, ci mancherai.

Ciao, Crociato Giuliano !!!