Parma, 16 maggio 2021 – Al termine di Parma-Sassuolo, il commento di Mister D’Aversa in sala stampa:

“Credo che sotto l’aspetto dell’impegno i ragazzi abbiano dato il massimo, se analizziamo le due squadre in campo c’era una differenza di qualità che ha inciso sul risultato finale. Per numero di occasioni la partita è stata equilibrata, ma il risultato dice che il Sassuolo esce dal campo vincente per 1-3. Troppe le ingenuità nel concedere gol alle squadre avversarie, quando ci sono in campo tanti giovani può accadere, è un percorso di crescita che li riguarda; ma il rammarico maggiore è per le occasioni da gol create e non concretizzate, in alcune circostanze è stato bravo Consigli ma credo anche che la determinazione nel cercare di fare gol ha influito, oltre alla qualità del Sassuolo. La differenza con questi giocatori che arrivano in nazionale – come Berardi o Caputo – è che fanno le cose non tanto per farle ma con la cattiveria giusta, la differenza oggi è stata questa”

“Non credo si debba fare un distinguo tra giovani e vecchi, quando si costruisce una squadra bisogna prendere giocatori forti, adatti al sistema di gioco del tecnico; se un giovane è forte, gioca. Lo ha dimostrato Bruno Alves che pur essendo più anziano è stato uno dei migliori in campo e questo deve farci riflettere”

“Credo che il sistema di gioco si scelga in base ai giocatori a disposizione, in questo momento di attaccanti esterni c’è solo Gervinho quindi bisogna adattare i ragazzi al sistema di gioco migliore. Stiamo giocando con il 5-3-2 che è un sistema che non mi fa impazzire ma siamo costretti in questo momento. Non è però tanto il sistema, quel che fa la differenza in una gara è come si interpretano determinate situazioni. Oggi abbiamo commesso alcune ingenuità singole come il calcio di rigore, pur dubbio che possa essere: ci siamo andati a creare una situazione di dubbio su una palla di facile lettura”

“Il Tardini per l’ultima volta vuoto? Me lo auguro. I risultati da quando non c’è la possibilità di seguire le gare dal vivo sono stati drammatici per noi. Questo dimostra che il pubblico ci ha sempre dato una grande mano e dove siamo riusciti ad ottenere risultati importanti, a parte quest’anno, il merito è di tutti, anche del pubblico che ha sempre spinto la squadra anche nei momenti di difficoltà”