Parma, 25 Novembre 2021 – La trasferta a Como, nello stadio Giuseppe Sinigaglia, dove domenica 28 novembre (ore 20:30) il Parma Calcio tornerà a giocare per la 14^ giornata di Serie B 2021/2022, é sempre stata un must nella Storia Crociata.

Evoca emozioni e una rivalità tra le tifoserie che sono molto antiche.

Rimanda a partite giocate, ogni stagione e senza interruzione, dagli Anni Quaranta agli Anni Ottanta.

Ci fu un’eccezione agli albori del corrente millennio (annata 2002/2003), ma, a causa di una pesante squalifica, si disputò sul campo neutro di Piacenza.

Così, alla vigilia del nostro imminente viaggio sul lago lariano, ci pare suggestivo ricordare l’ultima gara che la nostra squadra giocò nel leggendario stadio Sinigaglia, benché il risultato fu un pareggio senza reti (0-0).

Era domenica 10 settembre 1989, terzo turno di Serie B.

Per il Parma di mister Nevio Scala, che dopo otto mesi fu promosso per la prima volta in Serie A, era il secondo impegno esterno.

Si trattava di un appuntamento ostico.

Nel Settore Ospiti, con tanti storici striscioni della nostra Curva Nord, c’era un bellissimo seguito di sostenitori Crociati.

La maggior parte di loro era arrivata in treno. Fecero un bel tifo. Incessante e costante.

Il Sinigaglia era un fortino e il Como nutriva ambizioni per un campionato di vertice.

Tra le sue fila c’erano gli ex Giampiero Vitali in panchina e Francesco Turrini in campo, il futuro Crociato Graziano Lupetto Mannari, i talenti Egidio Notaristefano e Salvatore Giunta e l’attuale mister comasco Giacomo Gattuso.

La squadra blu, però, al termine della stagione si ritrovò retrocessa in Serie C1 da penultima in classifica.

Il Parma, che stava costruendo la sua ossatura vincente, ottenne il quarto punto del suo percorso.

In precedenza pareggiò 0-0 all’esordio nell’infuocata trasferta a Reggio Calabria e vinse 1-0 nel debutto al Tardini contro il Pescara.

I ragazzi di Scala, dopo il pari di Como, erano secondi in graduatoria, a un punto dalla vetta.

Quella domenica difese per la prima volta la nostra porta Giacomo Zunico, che il nostro club acquistò nei giorni precedenti dal Catanzaro per la cifra record di un miliardo di lire.

Un investimento che fece comprendere intenzioni e programmi del Parma Calcio per il suo avvenire.

Nelle foto: due immagini dei tifosi Crociati al Sinigaglia il 10 settembre 1989 (nella prima durante il riscaldamento pre partita) e Zunico con la maglia del Parma.