Alessandria, 19 dicembre 2021 – Al termine del match tra Alessandria e Parma che ha visto vincere i Crociati per 0-2, l’allenatore in seconda Carillo ha incontrato i giornalisti nella sala stampa dello stadio Moccagatta.

“Stiamo lavorando per fare si che la squadra vada in campo sia in casa che in trasferta con lo stesso atteggiamento propositivo, per non accontentarsi mai. Oggi i ragazzi hanno fatto un’ottima partita”

“Da quando siamo arrivati abbiamo cercato di mettere dentro quelle doti che servono per un calcio propositivo, di fase offensiva ma anche difendendosi senza concedere occasioni agli avversari. In queste partite piano piano stiamo migliorando, la squadra sta facendo quello che l’allenatore vuole. Speriamo che oggi sia stata la vittoria che possa essere un punto di partenza”

“Con Iachini ci conosciamo da sempre, abbiamo fatto tutta la trafila delle giovanili e da allenatore è dal 2002 che siamo insieme: ormai ci conosciamo a memoria. Il Mister si sarebbe fatto sentire anche se fosse stato in un altro stadio. La squadra sta cominciando a capire quel che l’allenatore vuole e oggi lo ha dimostrato sul campo”

“Speriamo che questo sia il punto di partenza di un miglioramento costante della squadra che già ha fatto vedere, i ragazzi meritavano una vittoria, l’hanno voluta e non si sono mai accontentati, anche sullo 0-2 siamo andati a cercare un altro gol. Abbiamo rischiato pochissimo e quel che abbiamo rischiato è stato per palloni che abbiamo perso noi, questo è un aspetto che dobbiamo migliorare però i ragazzi stanno dando grande disponibilità, sono sicuro che d’ora in avanti ci potranno essere solo miglioramenti”

“Buffon ha fatto una grandissima parata nel secondo tempo, lì purtroppo è stata persa una palla a centrocampo e ci hanno preso in contropiede, non è stato visto il taglio dell’attaccante che ha colpito di testa”

“I ragazzi per come si stanno impegnando meritavano una vittoria. Oggi è stata ottenuta con una bellissima partita, la squadra è cresciuta in gara e questi sono segnali positivi, ma non abbiamo fatto nulla: c’è ancora tanto da lavorare”

“Non ho ancora parlato col mister, essendo squalificato non è potuto venire in spogliatoio e gioire di questa vittoria, a breve ne parleremo. Sohm e Inglese stanno crescendo, ma tutta la squadra sta crescendo, anche quelli che hanno giocato poco, si stanno impegnando durante gli allenamenti, credono in quel che fanno e in quel che l’allenatore vuole da loro. È una crescita di tutto il gruppo”

“Se si siamo arrivati è perché purtroppo c’erano dei problemi, la classifica e la mancanza di risultati avevano fatto sì che ci fosse un po’ di negatività. Stiamo lavorando per ricreare un certo entusiasmo. Ci terrei a dedicare la vittoria alla città, al presidente e ai tifosi che sono venuti anche qui a tifare. Speriamo di dare loro soddisfazioni”