Parma, 5 gennaio 2022 – Il Direttore Sportivo del Parma Calcio, Mauro Perderzoli, questa sera é intervenuto in diretta alla trasmissione ‘Calciomercato’ di 12 Tv Parma.

Queste le sue dichiarazioni:

“Sono a Parma, anche perché in questo momento è importantissimo stare vicini alla squadra, che sta lavorando con grandi intensità e attenzione.
La situazione emergenziale Covid complica tantissimo il lavoro sul fronte mercato, non solo nostro, ma di tutte le società. E’ una variabile che non ci lascia prevedere nulla. La Serie B ha già rinviato due giornate, per la Serie A in questo momento è in corso un consiglio di Lega straordinario che deve decidere per il futuro.
Questo cambia tutto. Cambia gli equilibri dei campionati, cambia le programmazioni e, di conseguenza, cambia anche il calciomercato.
Il primo arrivo in casa Parma Calcio c’è già stato con l’ingaggio di Andrea Rispoli qualche settimana fa. Di fatto c’è anche l’arrivo nella squadra, anche se era già un nostro calciatore, di Adrian Bernabè, che per motivi di salute si è potuto aggregare soltanto in quest’ultimo periodo.
In questo momento, quindi, ci sono già due elementi nuovi rispetto al recente passato.
Comprendo le attese da parte di tutti, ma non è questione di tempo. L’importante è compiere le scelte giuste.
Voglio essere molto chiaro sull’argomento uscite. Per quanto riguarda i calciatori fuori lista, l’idea è di trovare una collocazione per tutti questi ragazzi. Tutti gli altri, invece, non sono ufficialmente in vendita. C’è interesse nei confronti di molti nostri calciatori, perché abbiamo tanti ragazzi bravi, e valuteremo le eventuali proposte che ci arriveranno. Come è stato il caso di Maxime Busi, per cui abbiamo ricevuto una proposta che abbiamo ritenuto congrua, concludendo l’operazione.
Dennis Man è un giocatore importante, con tanto talento e tanta qualità. Noi siamo contenti di averlo. In questo periodo ha trovato delle difficoltà, ma ha le qualità per fare la differenza nel Parma. E’ un calciatore che è nella rosa del Parma, che si allena tutti i giorni con grande intensità ed è a tutti gli effetti un giocatore importante di questo gruppo. Non siamo scontenti di Dennis. Se arrivassero delle offerte per lui, le valuteremo. Per lui, come per tutti.
In questo calciomercato, la nostra idea è di migliorare una squadra che, secondo noi, è già comunque forte. In questa fase, però, è impossibile fare nomi o smentirne, anche soltanto per non favorire i nostri competitor.
Abbiamo cambiato allenatore, ma non abbiamo cambiato o stravolto la nostra filosofia. Beppe Iachini, attraverso magari un calcio differente rispetto a chi lo ha preceduto, lavora, predica e vuole raggiungere il nostro obiettivo, che è quello di avere un Parma padrone del campo, che sviluppi un gioco offensivo.
Vi assicuro che l’ambiente, all’interno del gruppo, è sempre stato ed è sano e positivo. E’ logico che chi gioca di più sia più soddisfatto rispetto a chi gioca di meno, ma finisce lì. I calciatori lo sanno benissimo, è il loro mestiere, come nel calcio queste situazioni possono cambiare con grande rapidità. Sanno che chi non è protagonista oggi, può trovarsi a esserlo domani.
Si tratta soltanto di dover migliorare con qualche ritocco una squadra che è comunque già di buon livello. Non ci sarà alcuna rivoluzione. Se riceveremo offerte per qualcuno, le valuteremo, ma il Parma non offre e non svende nessuno.

L’importante è avere giocatori bravi e duttili. La rosa che ha il Parma è già in grado di sviluppare più sistemi di gioco. Valentin Mihaila credo abbia tutte le qualità per svolgere anche il ruolo di seconda punta. E’ vero che nella sua giovane storia calcistica è un ruolo che ha ricoperto poco, ma ha caratteristiche per poter far bene anche con questa funzione.
Sebastian Giovinco? Non è un giocatore su cui abbiamo gli occhi, con tanto rispetto per il suo grande talento e la sua carriera.
Non è questo il momento di fare un’analisi generale sul lavoro fatto, perché siamo nel pieno della stagione. Non è il momento di fare i bilanci, di guardare indietro o avanti. Siamo tutti concentrati all’oggi. E’ l’unica cosa che dobbiamo fare e che possiamo modificare. Ci sarà tempo più avanti per fare un’analisi approfondita della stagione e per sviscerare ogni aspetto. Parliamo di questa squadra che sta lavorando con grandissima intensità tutti i giorni e che sta migliorando tanto.
Io sono sempre lì e ho la percezione di una squadra in crescita. Per adesso limitiamoci a questo. Poi, ci sarà tempo a fine stagione per fare i bilanci e per valutare tutto.

Beppe Iachini e il Parma Calcio non sono due cose diverse. Sono una cosa sola. C’è il Parma che ha Iachini come allenatore ed esiste una condivisione totale. Noi parliamo tutti i giorni con Iachini. Condividiamo tutto e sviluppiamo idee e strategie insieme. Se prendiamo decisioni, è perché sono assolutamente condivise”.