Parma, 15 febbraio 2022 – Nella Storia Crociata, non è mai stato semplice raccogliere soddisfazioni al di là del Po, allo stadio Giovanni Zini di Cremona, una delle trasferte più sentite dalla nostra tifoseria.

L’ultima volta che è capitato risale ormai a un quarto di secolo fa.

Domenica 5 novembre 1995, nona giornata del campionato di Serie A, il Parma Calcio espugnò il fortino grigiorosso con un gol per tempo.

A sbloccare la partita, al 42′, fu Fabio Cannavaro, che, alla decima presenza con la nostra Maglia, segnò la sua prima rete per la nostra squadra.

Intercettò il pallone nell’area piccola, dove rimbalzò dopo aver colpito il palo su un puntuale colpo di testa di Fernando Couto, suo compagno del reparto difensivo (0-1).

Lì in mezzo la sfera fu dirottata da Hristo Stoichov, che dal lato destro calciò una punizione concessa dall’arbitro Alfredo Trentalange di Torino per un fallo commesso proprio sul bulgaro Pallone d’oro dall’ex di turno, il centrocampista parmense Marco Giandebiaggi.

Il raddoppio fu fissato al 75’ da Gianfranco Zola, che trasformò di destro un calcio piazzato dal limite con una delle sue classiche prodezze (0-2).

Quella fu anche la gara in cui Alessandro Nista debuttò a difesa della porta Crociata, due settimane prima dell’esordio del diciassettenne Gianluigi Buffon.

Tre giorni prima era successo che Luca Bucci, il portiere titolare, si infortunò al termine dell’impresa compiuta allo stadio Ennio Tardini sugli svedesi dell’Halmstad, quel fantastico 4-0 che rimediò la sconfitta esterna 3-0 dell’andata e valse la qualificazione ai Quarti di Coppa delle Coppe.

A Cremona mister Nevio Scala optò per rispettare le gerarchie, inserendo il secondo portiere, ma quindici giorni più tardi, al Tardini con il Milan, fu il gran giorno di Buffon.

La sosta per gli impegni delle Nazionali, diede il tempo all’allenatore di valutare l’inserimento di quel ragazzino cresciuto nel nostro Settore Giovanile.

Nelle foto: Cannavaro e Zola. Qui sotto: il tifo Crociato allo Zini.