Genova, 3 settembre 2022 – Sotto la pioggia di Marassi una grandissima prova di qualità e di orgoglio dei Crociati. Un pareggio raggiunto con il cuore e con la voglia, oltre ad aver giocato un primo tempo di forza. Passa il Genoa, su un’azione “viziata” da una spinta di Frendrup su Vazquez che dà il via all’azione del gol siglato proprio dallo stesso Frendrup. Poi è solo Parma: il pareggio di testa di Inglese (dopo la rovesciata super di Mihaila). Azione magistrale. E lo stesso Mihaila (con tocco decisivo di Dragusin) confeziona il 2-1 al 37′. Nel finale di primo tempo Hefti riesce a raccogliere una respinta corta e se la ritrova sul piede: 2-2. Con un campo pesante inizia la ripresa: pronti via e Coda segna velocemente su rigore. I Crociati si rimettono a giocare e all’89’, su corner-assist di Mihaila, Estévez, entrato nella ripresa, firma al volo il definitivo 3-3.

GENOA-PARMA 3-3
Marcatori:
17′ Frendrup, 21′ Inglese, 37′ Mihaila, 42′ Hefti, 51′ Coda (rig.), 89′ Estévez

GENOA (4-4-2)
Martinez; Hefti, Bani, Dragusin, Pajac (84′ Vogliacco); Jagiello (67′ Portanova), Frendrup, Badelj, Gudmundsson; Coda (75′ Yalcin), Ekuban (75′ Yeboah). 
A disposizione: Semper, Agostino, Sabelli, Czyborra, Strootman, Aramu, Puscas, Galdames.
Allenatore: Alexander Blessin

PARMA (4-2-3-1)
Chichizola; Coulibaly (57′ Benedyczak), Romagnoli, Circati, Oosterwolde (79′ Zagaritis); Bernabé, Juric (56′ Estévez); Man (56′ Ansaldi), Vazquez, Mihaila; Inglese (81′ Tutino).
A disposizione: Buffon, Corvi, Balogh, Bonny, Delprato, Sohm, Valenti, Sohm.
Allenatore: Fabio Pecchia

Arbitro: Camplone di Pescara
Assistenti: Costanzo, Passeri
Quarto Uomo: Calzavara
VAR: Guida AVAR: Lombardo

Espulso: Gudmundsson al 92′
Ammoniti:
Badelj, Gudmundsson, Juric, Coulibaly, Bani, Circati
Angoli: 4-5
Recupero: 1′ – 4′