Parma, 29 ottobre 2022 – Le dichiarazioni dell’allenatore crociato Fabio Pecchia, rilasciate al termine della partita Parma-Como, valida per l’undicesima giornata di Serie BKT 2022-23.

“Faccio i complimenti ai ragazzi, a tutti. Anche a quelli che erano fuori oggi, perché all’interno dello spogliatoio si sono vissute emozioni vere. E questa è la cosa più bella. Poi al di là dei discorsi tecnici o tattici si può discutere, ma quello che si è vissuto a fine gara e durante il pre-gara, quello che è all’interno del gruppo mi rende felice. E anche il clima che si è creato con il pubblico, perché si è reso conto del momento della squadra e di come stavamo affrontando la situazione, quindi è stato un tutt’uno.

La partita era diversa, potevamo avere un po’ più spazio e più gestione palla con Franco basso. Sapevo che potevano essere interscambiabili i 4 davanti, ho cominciato con Sohm. E’ una partita di cuore, di carattere, di voglia, anche nella prima parte molto contratti. Con la continua interruzione del Var, sembrava che ogni situazione fosse sempre un pericolo. Poi ancora una volta sono contento che su palla inattiva abbiamo risolto una partita molto complicata. Il gruppo? C’è voglia di migliorare, per me è una grande soddisfazione ed una soddisfazione per i ragazzi. Non è semplice stare fuori e giocare, come è capitato a Zagaritis.

Nel finale oggi entrava Mancosu da una parte, ma dall’altra, con tutto rispetto entravano Sits, Bonny, Circati, giovani del 2003, del 2004, che hanno dato tantissimo. Noi abbiamo sfruttato alla grande una palla inattiva, lavorata molto bene. Sono partite che vivono sugli episodi, ma nel secondo tempo non abbiamo subito nulla. 

Io lavoro in questo modo, creare condivisione. Con una squadra che mi segue, ed è stato così dalle prime battute. In questo momento cerchiamo di buttare delle basi per costruire un’identità forte per affrontare il prosieguo del campionato. Io sono felice, ma soprattutto per i ragazzi. Io propongo, ma loro rispondono e pretendono sempre di più. Ed è questa la cosa più bella.

I complimenti del Presidente Krause? Fanno piacere, chiaro, ma li fa a me perché sono a capo di uno staff. Ma, a cascata, i complimenti vanno estesi a tutti. E’ una vittoria importante, bella, ma domani già dobbiamo ripresentarci sulle cose. Bene, contenti, ora risolviamo le nostre cose, ma i complimenti vanno a tutto l’ambiente. Bello, perché quando si finisce la partita in questo modo e al Tardini si vivono queste emozioni, dobbiamo essere tutti contenti di quest’atmosfera. Abbiamo bisogno di tutto e di tutti. Vedendo le partite e il campionato, sarà una maratona impegnativa e bisogna essere sempre lì a lavorare, perché sarà un’altalena da qui alla fine”.