Collecchio, 18 novembre 2022 – Le dichiarazioni del direttore sportivo crociato Mauro Pederzoli, rilasciate durante l’intervista con Sky Sport.

L’IDENTITA’ PARMA E IL LAVORO DELLO STAFF TECNICO
L’obiettivo è sempre quello di continuare a crescere, continuare a dimostrarci squadra, continuare a competere e a rendere orgogliosi i nostri tifosi che ci seguono sempre, sia quando giochiamo al Tardini sia lontano. Il nostro sforzo è di costruire un’identità, è di essere Parma, in campo e fuori dal campo. Abbiamo fatto grossi passi avanti, la squadra è una squadra vera, viviamo, lavoriamo, ci alleniamo da squadra. Questo è un grande merito di Fabio Pecchia e dello staff tecnico. Siamo sulla strada giusta, poi non abbiamo fatto niente. Dobbiamo continuare a crescere, a migliorare, e rendere i nostri tifosi orgogliosi”.

IL “PROGETTO GIOVANI”
“Come dirigenti tutti qui a Parma abbiamo esperienze internazionali, perché questo è quello che vuole la nostra proprietà. Vogliamo essere una società aperta al mondo e che punta sui giovani. Questo ci riempie di orgoglio, perché abbiamo una prima squadra particolarmente giovane. Di anni ne hanno pochi, ma di valori ne hanno tanti. E questo speriamo lo possano confermare con la nostra maglia. I giovani si sentono a casa loro? Ci fa un enorme piacere, perché lo dicono loro. Il nostro obiettivo è creare un’identità, un sentimento, un modo di lavorare, tutto nostro e soltanto nostro. Questa capacità di identificarsi con questa città e con questa maglia ci dà enorme soddisfazione ed è quello che vogliamo”. 

LA SOSTA MONDIALE: UNA GRANDE VETRINA PER LA SERIE B
“La sosta? Sarà una vetrina importantissima, al di là dei Mondiali giocheremo soltanto noi. Sarà un’occasione ulteriore per mostrarci al mondo e per mostrare i valori che abbiamo. Speriamo di ben figurare”.