Parma, 2 dicembre 2022 – La trasferta del Parma Calcio a Cagliari, che si rinnoverà tra poche ore (sabato 3 dicembre per la 15^ giornata della Serie BKT 2022/2023), nel campionato cadetto non si vive da trentatré anni, dalla stagione della prima nostra storica promozione in Serie A con mister Nevio Scala.

E’ la Storia Crociata che raccontiamo in questa vigilia.

Domenica 12 novembre 1989, nel vecchio e glorioso stadio Sant’Elia, a fianco dell’attuale Unipol Domus, il pubblico si divertì con un pareggio ricco di reti (2-2) fra due squadre che, in primavera, furono entrambe protagoniste del salto di categoria.

Lorenzo Minotti e compagni furono bravissimi a recuperare il doppio svantaggio, perpetrato da una doppietta di Lucio Bernardini su calcio di rigore.

Il numero dieci e capitano sardo segnò dal dischetto sia al 36’ (1-0)  che al 48’ (2-0).

Il Parma trovò subito la forza per reagire.

Al 51’ accorciò le distanze. Marco Osio raccolse al volo sotto porta di destro un pallone respinto nell’area piccola dal portiere Mario Ielpo su una forte e insidiosa punizione dal limite di Minotti (2-1).

Al 62’ Fausto Pizzi pareggiò, anche lui trasformando un penalty, che l’arbitro Luciano Luci di Firenze concesse per un fallo sul nostro attaccante Maurizio Ganz, che al 49’ era subentrato allo stopper Luigi Apolloni (2-2).

Il Parma mostrò una grande caparbietà nel raddrizzare il risultato, anche perché dal 54’ era in inferiorità numerica per l’espulsione di Minotti.

Dal 65’ pure il Cagliari concluse la gara con dieci calciatori, perché Luci espulse anche il difensore rossoblù Aldo Firicano.

Fu una sfida tra due allenatori emergenti in quell’epoca calcistica, i quali poi fecero scuola.

Sulla panchina opposta a quella di Scala, quel giorno, alla conduzione tecnica della squadra isolana c’era Claudio Ranieri.

Nelle foto: Osio e Pizzi.