Collecchio, 9 dicembre 2022 – Ecco le parole di Mister Domenico Panico alla vigilia di Parma-Fiorentina, 3^ Giornata di Riorno 1^ Fase Campionato Serie A Femminile, in programma allo stadio “Ennio Tardini” di Parma, domani sabato dicembre 2022, alle ore 12.30:

Mister Domenico Panico, il Parma Femminile torna a giocare allo Stadio Tardini dove, sotto la sua gestione, ha offerto, finora, le migliori prestazioni…

“Sì, abbiamo una partita importante contro la Fiorentina, una squadra forte che punterà a vincere per arrivare al secondo posto, visto che poi ci sarà lo scontro diretto al vertice tra Roma e Juventus, ma noi dobbiamo fare il nostro; la squadra, in questa settimana, si è comportata bene. Siamo pronti per fare una grande partita”.

Anche all’andata i Viola veleggiavano nelle zone alte della classifica, però, il Parma, in quella trasferta, tirò fuori una buona prestazione. Stavolta torniamo di nuovo tra le mura amiche…

“Dobbiamo cercare di fare dei punti, dobbiamo cercare di fare la nostra partita, rispettando, ovviamente, la Fiorentina che ha tanti pregi, cercando di mettere in risalto qualche difetto. Dobbiamo ribattere colpo su colpo: sarà una partita da giocare con le nostre qualità, cercando di ottenere i tre punti. Ormai in ogni partita dobbiamo cercare di farli. Abbiamo avuto l’atteggiamento giusto in settimana e sono convinto che domani riusciremo a fare del nostro meglio…”

A proposito di punti, il Presidente Krause, durante la cena con gli sponsor, ha rivelato di aver stimolato gli allenatori della Femminile e della Maschile appunto a fare dei punti… Le ha chiesto anche qualcosa d’altro?

“Il Presidente ci dà lo sprone e la voglia di fare quello che era stato deciso di fare quando è stato improntato questo progetto: ora l’obiettivo è quello di consolidare la nostra squadra nel massimo campionato nazionale, per poi avere un futuro sempre più roseo. Noi siamo focalizzati, ovviamente, al presente, alla partita di domani e cercheremo di vincere anche per lui che sappiamo ci tiene veramente tanto…”

Sotto la sua gestione il Parma, sinora, ha solo sfiorato la vittoria, ed anche contro il Sassuolo è svanita all’ultimo sospiro…

“Intanto è importante restare in gara sempre: durante la mia gestione abbiamo fatto, secondo me, tre gare di ottimo livello, soprattutto le prime due, nelle quali abbiamo speso tanto; domenica scorsa, invece, a Sassuolo, forse non abbiamo fatto bene come nelle precedenti due partite: il Sassuolo ci ha messo molto in difficoltà, ma siamo stati squadra, le ragazze sono state brave, ad un certo punto, ad aver quasi vinto la partita, ma poi sull’ultimo cross, nell’ultima occasione le neroverdi ci hanno fatto gol. Come ho detto subito dopo, nel post-gara, il punto del Sassuolo era meritato, perché ha fatto un’ottima partita; noi siamo consapevoli della nostra forza, io ho sempre detto alle ragazze: noi affronteremo tutte le partite per vincerle; poi, in quest’ultimo periodo, ci sta un po’ succedendo di perdere per strada negli ultimi minuti tanti punti, però, secondo me, l’importante è esserci, essere prestativi e noi lo siamo stati, in tutte e tre le partite. Abbiamo affrontato tre ottime squadre: il Sassuolo stava vivendo il suo momento migliore, la Juventus e l’Inter sono due formazioni al top. La squadra, comunque, ha raccolto due risultati utili consecutivi; con la Juve abbiamo perso al 96′, quindi io vedo tanta luce in questo tunnel e spero di riuscire a vincere la mia prima partita col Parma”.

Sta crescendo la positività nell’ambiente?

“Sì, ne siamo convinti: le ragazze stanno lavorando bene, tutto lo staff, la Società, il Direttore non mi fanno mancare nulla, e non sono frasi di circostanza. Ripeto: l’ambiente è buono, giusto; la classifica, ora, non la guardiamo perché siamo positivi in questo. La squadra sta crescendo: col tempo recupereremo anche le tante ragazze che abbiamo fuori. E’ importante, secondo me, chiudere l’anno in un modo positivo, anche se questo è l’obiettivo di tutte le squadre che vorranno, nel weekend tra sabato e domenica, riuscire a prendere punti per poter festeggiare il Natale un po’ più sereni. Il nostro obiettivo è quello di fare una grande partita sul nostro campo, e – perché no? – cercare di portare a casa i tre punti…”

Poi seguirà una sosta abbastanza lunga prima della ripresa, anche se staff e calciatrici faranno vacanza solo per poco tempo… 

“Noi ci fermeremo solo per il tempo necessario per ricaricare le batterie: il programma è pronto già da diverse settimane: continueremo, comunque, a lavorare qui a Collecchio, poi ci sarà un momento di pausa e poi riprenderemo subito dopo le feste di Natale con un programma, appunto, ben delineato. Sicuramente alla ripresa, soprattutto a centrocampo, troveremo un po’ più alternative perché stiamo recuperando Liucija Vaitukaitytė che si sta quasi allenando con il gruppo, ancora non con le ragazze, ma ha già fatto molto lavoro di campo e anche qualche altra giocatrice sta rispondendo presente alle sollecitazioni dello staff medico e dello staff tecnico. Quindi, a gennaio, avremo una rosa sicuramente più ampia”.

Per domani non recupera nessuna?

“Domani ci sarà la squadra che, nelle ultime settimane, ha fatto bene: quindi ho tutte le ragazze che avevo in queste prime settimane, stanno tutte quante bene, per cui faremo del nostro meglio”.

Chiudiamo tornando a parlare della Fiorentina: quali i pericoli maggiori di questa squadra?

“La Fiorentina è una squadra forte in tutti quanti i settori: ha un attacco importante, con molte alternative, calciatrici che sanno sia finalizzare che giocare con la squadra; un centrocampo dinamico, esperto, con calciatrici giovani di valore e hanno una difesa molto forte, omogenea, rapida, sugli esterni; hanno giocatrici di talento, che lavorano sia con il club che con la propria selezione- E’ una squadra forte, lo sappiamo ed è terza in classifica non a caso. Si è subito riscattata dopo una partita persa con il Milan, mostrando carattere facendo una grande partita a Como. Siamo consapevoli della forza dell’avversario, ma siamo consapevoli anche della nostra forza, quindi a testa alta ci andremo a giocare la partita sul nostro campo, senza timori”.