Il Parma Calcio 1913 trasformerà il Tardini in uno spazio che contribuisca al benessere e al miglioramento della qualità di vita della comunità locale.
In quest’ottica, fin dai primi step della progettazione l’ascolto della comunità e dei gruppi interessati è stata centrale per il team di progetto.

A marzo 2021 la società ha diffuso un questionario che ha permesso di ascoltare, analizzare e comprendere le richieste e i bisogni di tutti gli stakeholders:
tutti hanno manifestato il loro interesse nella riqualificazione di uno stadio che diventi sostenibile, innovativo e che possa contenere al suo interno nuovi servizi e funzioni, tra cui un museo del Parma Calcio, uno spazio per eventi, aree per bambini, per lo sport e nuovi luoghi di aggregazione e socialità. Questo è stato il punto di partenza per il nuovo Stadio Tardini. 

L’impegno da parte della società legato all’ascolto del territorio non si è esaurito qui. Per la presentazione del progetto preliminare sono stati organizzati momenti di ascolto dei tifosi, delle associazioni del territorio e dei comitati di quartiere. Il Parma Calcio ha avuto così l’occasione non solo di rispondere alle domande poste da parte di tutti gli interessati, ma anche di apportare alcune modifiche al progetto suggerite dagli stakeholders stessi. 

Nei prossimi mesi il Parma Calcio continuerà a prodigarsi in questa attività di ascolto del territorio, organizzando nuovi incontri e attraverso l’apertura di un Infopoint all’interno del quale sarà possibile vedere l’avanzamento del progetto e un modello in scala di quello che sarà il nuovo Tardini.