Il progetto dello stadio rappresenta un vero e proprio “progetto urbano” che sarà parte integrante del quartiere, ed essere accessibile tramite trasporto pubblico, a piedi e in bicicletta, collegato al centro storico, alla Galleria, al Parco Cittadella e al Parco Giacomo Ferrari, e parte della più estesa rete ecologica della città.

Il disegno prevede infatti la realizzazione di una pista ciclabile che consentirà di raggiungere lo stadio in bici passando per il parco, di parcheggiare comodamente le proprie biciclette a pochi passi dall’ingresso dell’impianto, e di creare una nuova infrastruttura ciclabile che potrà essere utilizzata anche durante la settimana.

Questa scelta progettuale, oltre a essere coerente con i più alti standard di sostenibilità urbana a livello internazionale, calza alla perfezione con la modalità che già oggi i cittadini di Parma utilizzano per raggiungere lo stadio. L’89% degli intervistati residenti entro i 2 km di distanza dallo stadio scelgono di raggiungere lo stadio a piedi o in bicicletta. Per questo motivo il progetto prevederà un incremento del numero dei parcheggi per biciclette, tale da trasformare lo stadio in un vero e proprio Bike Hub.

Nonostante la natura ciclopedonale dello stadio, il progetto terrà in considerazione anche le necessità di chi, per scelta o per necessità, ha bisogno di raggiungere lo stadio in macchina. Il progetto prevede infatti un parcheggio sotterraneo, che non impatti in nessun modo lo spazio pubblico che verrà creato davanti alla tribuna Petitot, con una capienza di 160 parcheggi.